Prevenzione

La prevenzione è sempre stata considerata la migliore forma di cura.

CONSIGLI PRATICI PER LE MAMME

I denti del tuo bimbo sono importanti e con alcuni accorgimenti puoi preservarli dalla carie!
Non farti ingannare dal fatto che prima o poi questi denti sono destinati a cadere, poiché sono proprio i primi anni di vita ad influenzare in modo positivo o negativo lo sviluppo dei denti e della bocca.

GRAVIDANZA

La prevenzione deve cominciare sin da quando il bambino è nel pancione della mamma!
Infatti, già dalla settima-ottava settimana di gestazione inizia lo sviluppo dell'apparato dentario; è importante quindi che la mamma assuma cibi ricchi di calcio (latticini, latte, patate, arance ananas, spinaci, pomodori). Ma per una corretta mineralizzazione, che renderà il dente più resistente alla carie, è importante anche un adeguato apporto di fluoro, il quale, purtroppo è contenuto in scarsa quantità nei cibi. Per questo motivo è consigliabile che dal 6° mese di gravidanza la mamma assuma ogni giorno una compressa di fluoro da 1 mg. Quando nascerà il bimbo, la mamma continuerà l'integrazione di fluoro finché allatta il bimbo al seno. Successivamente potrà dare il fluoro direttamente al bambino: in commercio esistono compresse da 0,25 mg oppure gocce, che possono essere sciolte nel biberon dell'acqua (il fluoro va assunto lontano dal latte).

IGIENE ORALE E ALIMENTARE

Il primo dente da latte solitamente compare verso i 6 mesi (anche se questa è un'età indicativa: esistono bimbi che nascono già con un dentino e altri che vedono comparire il primo incisivo anche a 10-12 mesi). Ogni mamma sa che in questo periodo spesso i bimbi sono agitati e insofferenti a causa del prurito e del gonfiore che compare alle gengive. Per questo, dopo la poppata è importante pulire con una garzina sterile imbevuta di acqua la gengiva del bimbo. Sarà un massaggio piacevole per il bimbo e ridurrà l'infiammazione gengivale aiutando la spontanea eruzione del dente.
Appena compare il primo dente è essenziale detergerlo con lo spazzolino. Esistono in commercio spazzolini appositi con setole morbide e testina molto piccola. E' meglio non usare il dentifricio perché potrebbe risultare sgradevole per il bimbo.
Appena è in grado di farlo, è bene che il bimbo inizi a giocare a lavarsi i denti, in modo che diventi per lui una sana abitudine. Non è possibile, però, delegargli completamente questa operazione fino almeno all'età scolare.

Il bimbo dovrebbe essere abituato a lavare i dentini dopo ogni pasto principale, come gli adulti.

Mentre la mamma lava i suoi denti, si può dare lo spazzolino senza dentifricio al bambino per farlo giocare ed imitare, poi la mamma però completerà sempre lo spazzolamento. In questa fase è importante somministrare il fluoro. Il dosaggio crescerà con il bambino stesso. Il tuo dentista saprà consigliarti il più adeguato.

Anche le abitudini alimentari sono molto importanti.
NON USARE CIUCCIOTTO CON IL MIELE... questa tradizione per calmare il bimbo, che talvolta si tramanda di madre in figlia, dovrebbe essere dimenticata, poiché spesso a causa di ciò i primi dentini da latte si cariano rapidamente. Altrettanto dannosa è l'abitudine di somministrare una bevanda zuccherata (tisana o camomilla) per addormentare il bambino o come ciuccio durante la giornata. Questo continuo apporto di zuccheri nel cavo orale in breve produce la carie. Tra un pasto e l'altro il bimbo dovrebbe assumere solo acqua.

LA PRIMA VISITA DAL DENTISTA

La prima visita odontoiatrica dovrebbe avvenire intorno ai tre anni, a meno che la mamma od il pediatra non notino altri problemi odontoiatrici che possono anticipare questo appuntamento.
Il primo incontro deve svolgersi in un clima allegro e rilassato. E' bene non preparare il proprio figlio all'incontro con il medico, poiché a questa età si è più sensibili al tono della voce e all'ansia materna (che cerca di rassicurarlo inutilmente trasmettendo i suoi eventuali timori), rispetto alle parole dette.
Il dentista controllerà i dentini e darà ai genitori utili consigli di igiene orale e prevenzione. Poi il bimbo dovrà essere osservato ad intervalli regolari di circa 6 mesi. E' importante preservare la dentatura decidua dalla carie, poiché la perdita precoce di un dente da latte causa la perdita dello spazio in arcata per il dente permanente, provocando una scorretta occlusione (denti storti, affollamento...).
Le visite periodiche di controllo, infine, permettono al dentista di consigliare le più importanti armi di prevenzione quali per esempio i sigillanti e le sedute di fluorizzazione.

Tabella Dentizione

I SIGILLANTI

I sigillanti sono un'arma preziosa per la prevenzione della carie.
Sono resine composite in forma liquida che vengono poste sul fondo dei solchi e delle fosse dei primi e secondi molari permanenti. Vengono applicati sulle superfici masticanti come una vernice con un metodo completamente indolore. La funzione dei sigillanti è impedire il ristagno di placca dentale, consentendo una buona detersione da spazzolamento (cosa a volte difficile nei molari che hanno i solchi troppo profondi), senza interferire con la masticazione, ne' danneggiare lo smalto dentale.
E' importante ricordare che i sigillanti sono soltanto un aiuto nella prevenzione della carie. Una adeguata tecnica di spazzolamento dentale e visite di controllo periodiche sono essenziali per mantenere sani i denti.
I sigillanti devono essere periodicamente controllati in quanto la loro rottura accidentale potrebbe creare uno scalino che favorirebbe il ristagno di placca batterica e residui alimentari.
La durata media di un sigillante è di circa 2 anni. L'esecuzione dei sigillanti ha un costo molto limitato e si può ripetere se necessaria.