DECALOGO PER RICONOSCERE UNA PROTESI DI QUALITÀ

 Da "Accademia Italiana di Odontoiatria Protesica

La qualità spesso non viene percepita, ma come riconoscere la “non qualità”?

Cosa può succedere se il lavoro protesico non è preciso, sia sui denti che sugli impianti?

Consigli utili per capire se la vostra corona protesica ha qualche problema

1. Dopo gli opportuni e quasi sempre necessari aggiustamenti in fase di controllo, la corona non deve

risultare più alta degli altri denti, non deve “toccare prima”. Non c’è bisogno di “abituarsi”.

2. I contatti con i denti vicini devono essere precisi, né troppo stretti (si deve poter usare il filo

interdentale), né troppo larghi (il filo interdentale deve incontrare una buona resistenza). La mancanza

di contatti adeguati è molto pericolosa, in quanto i residui alimentari possono rimanere intrappolati e

causare carie e problemi alle gengive.

3. Il filo interdentale non deve rompersi o sfilacciarsi. Se ciò accade, significa che probabilmente c’è

qualche grossolana imprecisione nella corona o nei denti vicini.

4. Tutte le superfici devono essere perfettamente levigate. E’ fondamentale per evitare che si consumi il

dente antagonista e per evitare un pericoloso accumulo di placca batterica.

5. La gengiva a contatto con il bordo della corona non deve arrossarsi, gonfiarsi o sanguinare. Se questo

succede, può essere segno di imprecisione del margine della corona o di posizione non corretta del

margine stesso (troppo dentro alla gengiva) o della presenza di piorrea che non era stata

diagnosticata prima.

6. La corona non deve staccarsi accidentalmente, se è stata cementata con un materiale definitivo, così

come il provvisorio non dovrebbe staccarsi o rompersi facilmente. Se il vostro provvisorio era instabile,

verosimilmente lo sarà la corona definitiva.

7. Se non è stato programmato e non vi è stato comunicato previamente, non dovrebbero essere

effettuati ritocchi (limature) dei denti naturali, sia dei vicini che dell’arcata opposta. In alcuni casi è

necessario un ritocco dei denti naturali o di vecchi restauri, ma dovreste essere stati avvisati prima.

8. Il colore della ceramica deve essere simile a quello dei denti vicini, in caso di differenze o di

inestetismi dovete poterli esprimere e trovare una soluzione adeguata. Dovreste, su vostra richiesta,

poter parlare anche con l’odontotecnico che ha realizzato la vostra corona.

9. Se non riuscite a masticare bene con la nuova corona, se c’è sensibilità alla pressione, o addirittura al

serramento dei denti, o se il cibo fibroso rimane intrappolato nel nuovo dente, c’è qualcosa che non

funziona. A parte un primo momento di adattamento, una corona ben fatta deve entrare subito a far

parte della bocca e deve funzionare bene.

10. Ricordate che la fine di una terapia protesica in realtà è l’inizio del percorso che vi consentirà di

mantenere sia i risultati delle cure effettuate, sia la salute dei vostri denti naturali. Il programma di

igiene professionale e di controlli periodici dovrà essere personalizzato in base alle condizioni dei

vostri denti, alle abitudini di vita (per esempio, se siete dei forti fumatori dovrete farvi controllare più

spesso) e alle vostre capacità di effettuare un’igiene domiciliare adeguata

I commenti sono chiusi